ItalianEnglishFrenchGerman

Periodo di stanca o Over training. Il tuo personal trainer risponde…

Il periodo di stanca è un periodo che negli atleti si manifesta con un calo di prestazioni spossatezza. Questa fase spesso è

Il periodo di stanca o over training è un periodo che negli atleti si manifesta con un calo di prestazioni spossatezza. Questa fase spesso è associata a un periodo di over training, tuttavia però questa tesi non è stata ancora provata scientificamente o per meglio dire l’over training, no è un periodo di stanca. Sono due situazioni totalmente diverse a  mio parere come Personal trainer e sportivo il periodo di stanca è una fase totalmente diversa dove i fattori scatenanti non sono dovuti all’esercizio fisico.

Incominciamo a parlare di super compensazione.

Una fase d’allenamento è composta da un workout, quindi una fase attiva e una fase di recupero. Per gli atleti d’alto livello le fasi attive sono più ravvicinate rispetto al periodo compensatorio o di recupero di un normale sportivo. In genere una fase di supercompensazione per uno sportivo principiante varia a seconda del soggetto dai 4 ai 7 giorni.

Nel grafico possiamo notare come i giorni di recupero influenzano la resa fisica, in particolare troppo riposo tra le sessioni non permette al fisico miglioramenti, troppo breve secondo esempio non permette al corpo il completo recupero a livello cellulare, ciò diminuisce la resa delle prestazioni. Ultimo in basso giorni ottimali di riposo dove l’equilibrio creatosi tra allenamento e recupero permette di incrementare le performance. Da sottolineare che tali giorni di recupero non sono fissi per ogni individuo, ma sono influenzati da diversi fattori, uno tra questi la reale condizione fisica e sportiva. Con il passare degli anni e con l’aumentare dell’efficizienza muscolo tendinea diventano più brevi, di conseguenza possibilità di supportare più allenamenti  ravvicinati ad alta intensità.E’ per questo che i ritmi allenanti dei professionisti siano su un altro livello.

Over training

L’over training insomma è una periodicizzazzione sbagliata, esercizi eseguiti in maniera sbagliata, carichi sproporzionati all’effettiva capacità del soggetto. Questi fattori porterebbero lo sportivo ad avere un calo di prestazioni  o di un’infortunio . I sintomi dell’over training sono, eccesso di acido lattico e il sorgere di indolenzimenti muscolo tendinei cronici, difficoltà nel recupero cardio circolatorio dopo una sessione d’allenamento, e problematiche respiratorie. Come personal trainer  e sportivo ho osservato che le conseguenze traumatiche nell’over training sono da riscontrarsi in un mancato approccio alla reale consapevolezza dei propri limiti o capacità esasperate a volte. Un’esercizio eseguito con una postura sbagliata causata da stanchezza porterebbe ad un sovraccarico articolare con possibili infiammazioni o lesioni delle cartilagini o tessuti, un carico sproporzionato ripetuto senza criterio porterebbe ad un medesimo risultato negativo. Una corsa tenuta per tempi inadeguati o con una tecnica inadeguata porterebbe anch’essa a varie problematiche.

 Il periodo di stanca pur simile sul calo di prestazioni e sintomi , porterebbe all’infortunio soltanto a causa di un calo d’attenzione o dissociazione dello sportivo all’esercizio.

Come evitare

Per ovviare a ciò è utile seguire alcune linee base, tra cui costanza nelle sedute settimanali da 2 a 3, essere seguiti da un personal trainer che adeguerà tecniche dall’allenamento idonee al vostro stato fisico, e strategie dall’allenamento diverse applicate a diversi attrezzi porterà migliori risultati (metodo che da anni coltivo). Integrare acqua in dosi appropriate permette di mantenere le nostre performance al top, in quanto una perdita d’acqua al 5 % porterebbe ridotta resistenza muscolare, innalzamento della temperatura corporea e affaticamento precoce oltre che problemi funzionali metabolici legati all’assorbimento proteico il quale necessita grandi quantità d’acqua per  la proteolisi. Assumere acqua o bevande isotoniche è di fondamentale importanza. L’alimentazione e l’integrazione se necessaria giocano anch’esse un ruolo importante in quanto vari fattori potrebbero incidere sull’efficienza  atletica, pasti pre workout ad esempio dove in un prossimo articolo vi spiegherò.

Parliamo ora del vero periodo di stanca.

Partiamo dal presupposto che sia nella vita di tutti i giorni che per gli sportivi esiste una gerarchia dei bisogni. Ogni mancanza o lacuna in questa gerarchia crea dei deficit. In primo livello sicurezza e i bisogni fisiologici, si passa poi alla sopravvivenza psicosociale che consiste nell’essere accettati nell’essere riconosciuti e nell’essere rispettati. Ultima ma la più alta sul gradino è l’autorealizzazione.  Un deficit tra questi fattori porterebbe ad un peggioramento involontario globale. Ciò potrebbe anche essere intaccato da fattori esterni quali problemi affettivi lavorativi ecc… Questa gerarchia dei bisogni funziona come una macchina ad anelli rotto uno il sistema si blocca e gli scompensi prestazionali sul campo sono direttamente proporzionali alla gravità o vastità dei bisogni correlati mancanti o disturbati.

Come ho risolto il periodo di stanca…

Il periodo di stanca l’ho sempre fronteggiato e combattuto lavorando sul mind set o per meglio dire l’autodeterminazione consapevole degli obiettivi da raggiungere senza chiedermi troppo ma dando il top di me stesso, regalandomi soddisfazioni personali con dei premi che io stesso mi sono concesso senza aspettare nessun’altro che mi premiasse e razzionalizzare i miei traguardi raggiunti. Bisogna essere coerenti di se stessi e dell’impegno che in realtà uno a speso effettivamente.

By Daniele Lacchini Personal Trainer e Preparatore atletico

Non fermatevi qui

Altro da esplorare

man in black t shirt and black pants playing skateboard

Corda per saltare

Corda Come personal trainer e come atleta utilizzo la corda da salto per migliorare la coordinazione e la resistenza . Di facile utilizzo anche a

personal trainer

Tenersi giovane e flessibile con i trigger point massage

Tenersi giovane e flessibile con i trigger ponit massage permetterà ai vostri muscoli e connettivo di ritornare alla sua elasticità e lunghezza ottimale,migliorando la vostra vita,e le vostre attività sportive .

personal trainer

Ciclo e allenamento

Ha inizio con le mestruazioni chiamate anche flusso della durata tra i 4-5 giorni dove a seguito di processi ormonali il corpo regolarizza alcune fasi tra queste lʼovulazione, preparazioni dellʼendometrio alla ricezione e in caso di mancato concepimento al degradamento del corpo luteo o prossimo ciclo mestruale. Per alcune donne lʼincompatibilità nella fase di flusso mestruale con gli allenamenti, ma non sconsigliato in quanto se…

personal trainer

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sugli ultimi articoli

contattami

Compila il modulo qui sotto o scrivimi  su whatsapp

Freelance in Lugano e dintorni

Daniele Lacchini Preparatore Atletico,Personal Trainer Lugano